AHADITH SULLA DONNA

Ricerca di Cinzia Aicha Rodolfi

I n un lungo hadith riferito da ‘Ubada ibn Kathir, il Profeta disse:

«I migliori uomini della mia comunità sono i mi­gliori con le loro spose e le migliori donne della mia comunità sono le migliori verso i loro sposi. Ogni donna di queste ultime avrà come ricompensa quo­tidiana l’equivalente di mille martiri morti sulla Via di Dio. Mentre ogni uomo che sarà buono con sua moglie avrà l’equivalente quotidiano di cento martiri caduti sulla via di Dio.»

Al che ‘Umar Ibn-Al Khattab gli chiese: «Perchè la donna ha il compenso di mille martiri mentre l’uo­mo soltanto cento?»
«Forse ignori che la donna ha maggior ricompensa presso Dio e più qualità che l’uomo?! Iddio eleverà l’uomo al Paradiso ad un livello che dipenderà dalla soddisfazione della sua sposa e in relazione ai suoi du’ha per lui
», concluse il Profeta
SI tramanda da Ibn Abbas che il <profeta saas disse >: mi e’ stato fatto vedere l’inferno ed ecco le donne ne erano la maggior parte , esse negavano da ingrate. gli chiesero : rinnegavano Dio? – Esse   negavano gratitudine allo sposo, come negavano la sua benevolenza . Se anche tu facessi in continuazione del bene ad una di esse , e poi quella vedesse da te una singola cosa (che non fosse di suo gradimento) direbbe: non ho mai visto da te nulla di buono.

> questo bellissimo hadith e’ BEN CHIARO E PRECISO cioe’ e’ implicito che in primis ci sia la benevolenza dello sposo ovvero il bene e la giustezza e percio’ sia chiaramente peccato rifiutarla o negarla davanti anche ad un singolo errore o difetto.

> l’ingratitudine della donna richiama il mancato riconoscimento del livello metafisico dell’Islam, definito ihsan : nella concezione e nella realta’ tradizionali infatti , nell’amore reciproco e nell’effettiva complementarieta’ la donna si affida all’uomo e ne riconosce l’autorevolezza, cosi’ come l’uomo si leva a garantire alla donna la sicurezza e il mantenimento…. in tale situazione e sottolineo in tale situazione … pertanto ove il marito sia degno fiduciario e degno incaricato …. la ribellione della donna rappresenta un peccato….

> l’autorita’ del marito e’ legittima solo se lui per primo provvede ai suoi dovere di capo famiglia e riconosce i diritti alla moglie percio’ l’autorita’ che deve essere piu’ che altro autorevolezza diventa un diritto e un dovere. la moglie devota al marito non come postulato fine a se’ stesso bensi’ come conseguenza di una precisa attuazione del merito del marito che svolge in modo islamicamente corretto il suo compito di capofamiglia.  ( Patrizia Kadija Dal Monte)

  • Le donne sono state particolarmente invitate a dare dei loro beni, proprio in occasione della festa di fine Ramadan (comunque in una delle due feste), in un hadith che all’esterno viene spesso strumentalizzato per mostrare il maschilismo dei musulmani e ancor peggio, all’interno della comunità islamica è stato talvolta usato per affermare l’inferiorità dell’essere femminile…

Si tramanda da Abû Sa‘îd Al-Khudriyy: “Il giorno del[la Festa del] Sacrificio, o forse [il giorno della Festa per] la Rottura del digiuno, l’Inviato di Dio (su di lui la preghiera e la pace divine) uscì per recarsi al luogo per la preghiera. Passò vicino a delle donne, e disse: ‘Donne, fate delle elargizioni, perché mi è stato mostrato che costituite la maggior parte degli abitanti dell’inferno.’ Esse domandarono: ‘Per quale motivo, oh Inviato di Dio?’ ‘Perché maledite spesso, e negate gratitudine allo sposo. Tra gli esseri che sono sminuiti nella ragione e nella Religione, non ho mai visto nessuno che più di voi faccia perdere l’intelletto ad un uomo accorto e risoluto.’ Chiesero: ‘In cosa siamo sminuite nella ragione e nella Religione, oh Inviato di Dio?’ Egli disse: ‘Non è forse vero che la testimonianza di una donna è come metà di quella di un uomo?’ ‘Certo.’ ‘Questo è dovuto al suo esser sminuita nella ragione. E non è forse vero che quando è mestruata non prega e non digiuna?’ ‘Certamente,’ risposero. ‘Questo è dovuto al suo esser sminuita nella Religione.’ ”

Uscì per recarsi al luogo per la preghiera”: la particolare preghiera del giorno della Festa (che si tratti dell’‘îdu l-adhâ, la Festa del Sacrificio, o dell’‘îdu l-fitr, la Festa per la rottura del digiuno) si svolge di norma all’aperto. “Donne, fate delle elargizioni”: secondo quanto riporta Al-Qastalânî, mentre il Profeta andava verso il luogo in cui si doveva svolgere la preghiera, “prese ad ammonire la gente e ad ordinare loro di elargire dei loro beni, dicendo: ‘Gente, elargite!’ ”

>  Dunque solo in un secondo momento si sarebbe rivolto in particolare ad un gruppo di donne, che stavano anch’esse recandosi al luogo prescelto per la preghiera.

>  Dal hadith si trae l’indicazione di come l’elargizione volontaria (sadaqa), quella cioè che viene compiuta in misura eccedente all’elargizione prescritta dalla Legge sacra (zakât), costituisce un’efficace espiazione per i peccati compiuti nei confronti di altre persone, come nel caso di specie le ‘maledizioni’ espresse dalle donne, il loro ‘negare gratitudine ai mariti’, o il fatto di ‘far perdere loro l’intelletto’: questo secondo il principio, attestato in un noto hadith profetico, secondo il quale “le buone azioni fanno scomparire quelle cattive”.

> L’ordine profetico relativo alla sadaqa è comunque da intendere anche in relazione alla Festa (intendendo sia l’‘îdu l-adhâ che l’‘îdu l-fitr), essendo in essa consigliato il massimo sforzo di generosità nei confronti dei poveri; a tale proposito, come osservano i commentatori, il hadith mostra chiaramente come sia lecito e nobile per l’Imam chiedere ai credenti di elargire per i poveri, e intervenire intercedendo per questi ultimi…” (Idris Lodovico Zamboni, Sahîh Al-Bukhârî)

About CinziaAicha

Muslima serva di Dio in cammino Fisabilillah e InshAllah milanese pragmatica ,ma africana nel cuore , ribelle ad ogni sopruso e ingiustizia , ostinata e caparbia indiscutibilmente rompiscatole ; studiosa fino all'ultimo giorno su questa terra ... mi sta a cuore la crescita culturale ed intellettuale delle donne muslime nel mondo verso la conoscenza e la consapevolezza , verso la Fede e il Timor di Dio ,verso il perdono e il Paradiso col permesso di Allah
This entry was posted in Sunnah (detti e fatti) del Profeta. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>