le donne musulmane amano, sognano, piangono, sperano

“bip bip”…il display del cellulare si illumina, ripongo il tappeto con cura nell’aramadio, è arrivato un messaggio; sorrido, senza guardare già so che è la mia sorellina musulmana, certamente anche lei ha terminato salat al fajr.
Nei tempi moderni l’affetto passa attraverso le celle della linea telefonica mobile, e sorelle lontane divengono vicine con un piccolo sms.
<Salam Amal, come stai? InshaAllah spero bene, volevo raccontarti…>, e il fiume Khadija straripa di parole, di speranze, di paure, che si riversano nel bacino di contenimento Amal ^_^.
Bello ascoltare, bello essere ascoltati, perchè la mia sorellina esonda, e poi si trasforma, diviene essa stessa contenitore dei miei sogni, dei miei rimpianti, dei proponimenti…
Ogni giorno, ad ogni ora, sul filo ormai immaginario del telefono scorrono informazioni, domande, e risposte, e consigli, perchè se è vero che tramite sms viviamo praticamente in simbiosi, è pur vero che siamo diverse, hamdulillah, e allora la nostra amicizia è un arricchimento, una crescita, per entrambe alla ricerca del modo migliore per essere delle devote musulmane. (da quando conosco Khadija ho tolto la suoneria ai messaggi, n.d.a)
<Sogno di poter leggere e comprendere il Corano al karim in lingua araba, la lingua in cui Allah swt, l’ha fatto scendere per noi. Sogno un marito devoto dietro cui pregare, che mi corregga se sbaglio, che mi ascolti se parlo, che la sera di ritorno dal lavoro abbia voglia di accarezzarmi dolcemente la mano. Sogno figli da amare, da educare, da aiutare a crescere nel timore di Allah swt. Temo di non essere una buona devota, che potrei non essere un bene per l’uomo che inshaAllah sposerò..>
“bip bip” <Amin. Amal sei brava, non essere tonta! Io sogno una buona suocera, un figlio… E ricorda la lezione su huda di stasera>
Mia mamma teme che come musulmana io divenga una donna oppressa, repressa, teme che venga un uomo che sarà mio marito e padrone, questa è opinione diffusa purtroppo.
Ma non è così, hamdulillah, le donne musulmane amano, sognano, piangono, sperano; e hanno sorelle nelle cui vene scorre altro sangue, nel cui cuore alberga lo stesso timore per Allah swt, e i nostri hijab sono le nostre corone

About Amal Maria Rosaria Stillante

Musulmana hamdulillah, mai paga di servire Allah swt, tesa a compiacerLo ad accrescere il mio iman sono in costante ricerca di confronti pacifici e proficui, sono schietta e sincera, ahimè con la grazia di un elefante dico sempre ciò che sento
This entry was posted in Comunità, Pensieri, Vita Quotidiana. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>